facebook_event_320899554728861

Alessandro Battistini & Salty Frogs

Per il ciclo HappySundayHour
avremo l’onore di ospitare….
Alessandro Battistini & the Salty Frogs
(con: Alessandro Battistini, Francesco Cimini, Arnaldo Ripamonti, Alex Chiesa, Francesca Arrigoni, Simone “Sippi” Spreafico)

Da http://www.indieforbunnies.com
… E’ un esordio solista questo “Cosmic Sessions” di Alessandro Battistini – chitarra, voce e composer dei Mojo Filter – che riporta all’attenzione la scommessa sterminata della musica a stelle e strisce, quella denominazione “americana” tinta dei colori ruvidi del rock, blu delle strade del blues, verdi del folkly e calda dei sapori polverosi, vintage, una interpretazione che coniuga la piacevolezza e gli istinti dreaming che solo questa terra illimitata dona, regala, offre a tutti. E’ anche un esordio in cui l’artista da ancora il meglio di sé, non un’operazione nostalgica piuttosto una scandagliata a corpo morto nelle sensazioni emotional oriented, dentro quella incarnazione panteistica delle solitudini o delle moltitudini che affollano o meno l’anima di hobo a tu per tu con l’essenza della vita…

facebook_event_320899554728861

Alessandro Battistini & Salty Frogs

Per il ciclo HappySundayHour
avremo l’onore di ospitare….
Alessandro Battistini & the Salty Frogs
(con: Alessandro Battistini, Francesco Cimini, Arnaldo Ripamonti, Alex Chiesa, Francesca Arrigoni, Simone “Sippi” Spreafico)

Da http://www.indieforbunnies.com
… E’ un esordio solista questo “Cosmic Sessions” di Alessandro Battistini – chitarra, voce e composer dei Mojo Filter – che riporta all’attenzione la scommessa sterminata della musica a stelle e strisce, quella denominazione “americana” tinta dei colori ruvidi del rock, blu delle strade del blues, verdi del folkly e calda dei sapori polverosi, vintage, una interpretazione che coniuga la piacevolezza e gli istinti dreaming che solo questa terra illimitata dona, regala, offre a tutti. E’ anche un esordio in cui l’artista da ancora il meglio di sé, non un’operazione nostalgica piuttosto una scandagliata a corpo morto nelle sensazioni emotional oriented, dentro quella incarnazione panteistica delle solitudini o delle moltitudini che affollano o meno l’anima di hobo a tu per tu con l’essenza della vita…

facebook_event_320899554728861

Alessandro Battistini & Salty Frogs

Per il ciclo HappySundayHour
avremo l’onore di ospitare….
Alessandro Battistini & the Salty Frogs
(con: Alessandro Battistini, Francesco Cimini, Arnaldo Ripamonti, Alex Chiesa, Francesca Arrigoni, Simone “Sippi” Spreafico)

Da http://www.indieforbunnies.com
… E’ un esordio solista questo “Cosmic Sessions” di Alessandro Battistini – chitarra, voce e composer dei Mojo Filter – che riporta all’attenzione la scommessa sterminata della musica a stelle e strisce, quella denominazione “americana” tinta dei colori ruvidi del rock, blu delle strade del blues, verdi del folkly e calda dei sapori polverosi, vintage, una interpretazione che coniuga la piacevolezza e gli istinti dreaming che solo questa terra illimitata dona, regala, offre a tutti. E’ anche un esordio in cui l’artista da ancora il meglio di sé, non un’operazione nostalgica piuttosto una scandagliata a corpo morto nelle sensazioni emotional oriented, dentro quella incarnazione panteistica delle solitudini o delle moltitudini che affollano o meno l’anima di hobo a tu per tu con l’essenza della vita…

facebook_event_320899554728861

Alessandro Battistini & Salty Frogs

Per il ciclo HappySundayHour
avremo l’onore di ospitare….
Alessandro Battistini & the Salty Frogs
(con: Alessandro Battistini, Francesco Cimini, Arnaldo Ripamonti, Alex Chiesa, Francesca Arrigoni, Simone “Sippi” Spreafico)

Da http://www.indieforbunnies.com
… E’ un esordio solista questo “Cosmic Sessions” di Alessandro Battistini – chitarra, voce e composer dei Mojo Filter – che riporta all’attenzione la scommessa sterminata della musica a stelle e strisce, quella denominazione “americana” tinta dei colori ruvidi del rock, blu delle strade del blues, verdi del folkly e calda dei sapori polverosi, vintage, una interpretazione che coniuga la piacevolezza e gli istinti dreaming che solo questa terra illimitata dona, regala, offre a tutti. E’ anche un esordio in cui l’artista da ancora il meglio di sé, non un’operazione nostalgica piuttosto una scandagliata a corpo morto nelle sensazioni emotional oriented, dentro quella incarnazione panteistica delle solitudini o delle moltitudini che affollano o meno l’anima di hobo a tu per tu con l’essenza della vita…